Archivi categoria: Mercato immobiliare

Leasing abitativo: cos’è e come funziona

Eine Frau unterschreibt einen Kaufvertrag für ein Haus bei einem Immobilienmakler.

Nella Legge di Stabilità 2016 vengono fissate le regole per l’avvio del leasing immobiliare abitativo per i privati per l’acquisto della prima casa.

Il leasing immobiliare è una forma di finanziamento che permette a chi intende acquistare un immobile di farlo gradualmente pagando rate periodiche e riscattando la proprietà con una maxi rata finale.

Funziona come il leasing per le automobili, che consente una rateizzazione del valore della macchina e il riscatto della stessa attraverso una consistente rata finale.

Anche con il leasing immobiliare il locatario può chiedere la prosecuzione del contratto o rinunciare definitivamente all’acquisto.

In pratica, sarà la società di leasing (una banca o una finanziaria autorizzata e vigilata dalla Banca d’Italia) a comprare l’immobile e l’utilizzatore pagherà un “canone periodico”. Se alla fine vorrà riscattare la casa potrà farlo pagando la rata finale.

Al momento gli istituti di credito che offrono il servizio finanziario del leasing abitativo per privati sono due: Iccrea Banca e Unicredit. Si prevede che nei prossimi mesi le offerte sul mercato si moltiplicheranno, lasciando al consumatore una scelta più ampia.

Per i giovani acquirenti under 35 la soluzione del leasing prevede alcune agevolazioni: gli under 35 con reddito annuo inferiore ai 55.000 hanno diritto a detrazioni fiscali al 19% del canone stabilito al momento del contratto fino a un importo massimo dei canoni (quota capitale e quota interessi) di 8 mila euro l’anno.   Altri vantaggi per tutti (in particolare rispetto ai mutui): in fase iniziale non si pagano costi dal notaio, l’imposta di registro sull’atto è ridotta al 1,5%, ed è indubbia una maggior facilità di accesso al credito rispetto ad un tradizionale mutuo. È inoltre prevista una sospensione dei pagamenti immediata, che concede all’utilizzatore fino a 12 mesi di “stop”.

Leasing o mutuo?  

Con i tassi fissi ai minimi storici è difficile prevedere uno spostamento in massa verso il leasing, che è comunque una soluzione interessante, in particolare per chi non ha i requisiti in regola per un mutuo ma è sicuro della sua solvibilità futura. Il leasing immobiliare inoltre per gli under 35 può essere più conveniente di un mutuo tradizionale.

Per avere maggiori informazioni ed ottenere una stima della rata, è possibile visitare il portale dedicato: http://www.leasingonlinecasa.it

 

Mutui in crescita e a Roma mercato immobiliare in ripresa

images

Ci sono segnali di ripresa del mercato immobiliare, in tutta Italia ed anche a Roma. L’Osservatorio dei mercato del mutui di MutuiOnline.it registra alcuni interessanti dati relativi al mercato dei mutui , che nei primi mesi del secondo semestre 2016 sono in crescita.

In particolare, è accertato un aumento delle erogazioni di mutui destinati all’acquisto della prima casa (41,1%) rispetto al secondo semestre 2015 (27,2%).

La forma di mutuo preferita è il tasso fisso con il 72% delle sottoscrizioni, mentre il tasso variabile si attesta al 24,2%. La maggioranza dei mutui erogati ha una durata di 20 anni (il 27,9%) e di 15 anni, mentre l’importo medio dei prestiti è stato pari a 122.700€ : anche questo dato è in aumento rispetto al secondo semestre del 2015.

Contemporaneamente, il mercato degli immobili residenziali a Roma segna un dato positivo, con una crescita del settore di oltre il 4,8% rispetto allo scorso anno.

A fare la parte del leone sono gli immobili usati. Le quotazioni di attici, appartamenti, ville sono essenzialmente stabili: la tendenza è verso la crescita, a partire dalle zone centrali dove i prezzi sono aumentati dell’1% rispetto al 2015.

Nel centro di Roma, il valore degli appartamenti si attesta su una cifra superiore agli 8 mila euro al metro quadro.

Dopo cinque anni di calo dei prezzi, nelle zone semicentrali è previsto un aumento nel prossimo biennio. In periferia la situazione è opposta: i prezzi delle case continuano a scendere e si è ancora in attesa di un’inversione di tendenza.

Fonte: MutuiOnline.it 

Che cos’è la trattativa riservata

images

Vi sarete imbattuti più volte nella dicitura “trattativa riservata” al termine di un annuncio immobiliare. Che cosa si intende con trattativa riservata? In cosa eventualmente si distingue da una normale trattativa?

Innanzitutto, va chiarito subito che non sussiste nessuna differenza sostanziale o normativa rispetto ad una normale trattativa. Infatti la legislazione attualmente in vigore non fa alcun riferimento all’ipotesi di trattativa riservata.

Si tratta invece di una pratica commerciale: esempio classico è quello di un annuncio immobiliare in cui sono comunicati tutti i dati relativi ad un immobile tranne il prezzo, dato che s’intende sarà comunicato solo in modo diretto e personale, quindi riservato.

Qual è lo scopo? Sostanzialmente il venditore o l’agenzia immobiliare vogliono far intendere che l’immobile in vendita è di particolare pregio e che ha un prezzo elevato che si preferisce comunicare direttamente soltanto a chi è fortemente interessato.

Di conseguenza anche la trattabilità o meno del prezzo si può scoprire solamente dopo avere contattato personalmente chi ha pubblicato l’annuncio.

In questo modo grazie alla trattativa riservata si cerca di attirare l’attenzione su un immobile di particolare pregio (o anche particolarmente conveniente, nei casi in cui il prezzo è stato ribassato).

D’altra parte, nessuna legge impone la pubblicazione del prezzo negli annunci immobiliari, siano essi pubblicati online o attraverso gli altri canali pubblicitari tradizionali.

 

I prezzi delle case a Roma nel 2015

1431601753

Il 2015 verrà ricordato come un anno positivo per il mercato immobiliare, soprattutto grazie alla forte ripresa dei mutui, ma anche come un anno di ulteriore calo per i prezzi di vendita: -5,1% in un anno, con un -2,9% solo nel secondo semestre 2015, secondo quanto riferito dall’Osservatorio sul mercato immobiliare residenziale italiano condotto dall’Ufficio Studi di Immobiliare.it.

Per quanto riguarda il dato medio italiano, a dicembre 2015 il prezzo medio ponderato richiesto per gli immobili residenziali è sceso a 2.056 euro per metro quadro, mentre un anno prima era 2.166.

Nel corso del 2015 nel Nord Italia si è registrata la riduzione più consistente dei prezzi richiesti, con il picco in Liguria, che ha subito una contrazione in media del 7,6% dei prezzi a metro quadro, seguita da Friuli Venezia Giulia (-7,3%) e Sicilia (-7,0%).

La regione con il prezzo medio di vendita più elevato è il Trentino Alto Adige con i suoi 3.014 euro per metro quadro. Al contrario, la Calabria è la regione con i prezzi medi più bassi, con 1.115 euro a metro quadro.

Per quanto riguarda Roma, che ci interessa più da vicino, nel 2015 ha perso il primato di capoluogo più caro d’Italia, cedendolo a Firenze. Nel capoluogo toscano i prezzi si assestano in media sui 3.436 euro al metro quadro, mentre a Roma si registrano 3.413 euro al metro quadro. Il terzo posto di città più cara d’Italia spetta a Milano, con i suoi 3.262 euro al metro quadro.

Mutui in crescita nel 2015

1431601753

Volete comprare l’appartamento dei vostri sogni? Avete in mente una ristrutturazione perfetta e avete bisogno di un prestito? Nel 2015 i mutui hanno registrato una netta ripresa.

Le nuove erogazioni di prestiti bancari sono quasi raddoppiate rispetto al medesimo arco temporale dello scorso anno, con un incremento annuo del +97,1% per quanto riguarda i muti per l’acquisto di case e pertinenze da parte delle famiglie.

I dati dell’Abi (Associazione bancaria italiana) sono basati su un campione rappresentativo di banche (oltre l’80% del mercato).

​I dati relativi a gennaio-dicembre del 2015 sottolineano la forte ripresa del mercato dei finanziamenti alle famiglie per l’acquisto delle abitazioni.

Circa un terzo di questi nuovi prestiti è dovuto a nuove contrattazioni di vecchi prestiti: l’incidenza delle surroghe sul totale dei nuovi finanziamenti è infatti pari, nell’intero 2015, a circa il 31%.

I mutui a tasso variabile rappresentano, nell’intero 2015, il 42,8% delle nuove erogazioni complessive. I mutui a tasso fisso sono in forte crescita, a dicembre 2015 sono stati i due terzi delle nuove erogazioni, nello stesso periodo nel 2014 erano meno del 25%.

La forte ripresa dei prestiti si sta riflettendo anche sul totale dei mutui in essere delle famiglie. Sulla base degli ultimi dati ufficiali disponibili, relativi a fine novembre 2015, l’ammontare complessivo dei mutui in essere delle famiglie ha registrato un variazione positiva dello 0,5% nei confronti di fine novembre 2014, confermando la ripresa del mercato dei mutui.

Fonte: www.abi.it

Come scrivere un annuncio immobiliare efficace

fc7bdc2ac5b37af3207d1ea2fdbd8535

Il vostro annuncio immobiliare deve attirare l’attenzione del lettore e spingerlo a contattarvi. I punti di forza del vostro immobile vanno evidenziati: mettetevi nei panni degli acquirenti ed immaginate cosa vorreste sapere della casa dei vostri sogni.

Innanzitutto, scrivete in modo chiaro ma corretto, evitate qualsiasi errore di battitura, avvaletevi del correttore automatico.

L’importanza del titolo

Date all’annuncio un titolo che susciti interesse e curiosità. Le prime parole sono fondamentali per incuriosire ed invogliare a continuare la lettura. Il titolo non deve essere troppo lungo (meglio tra i 60 e i 65 caratteri). Puntate sugli aggettivi (luminoso, splendido, riservato, collegatissimo…) o sulle caratteristiche più importanti (con vista, con box auto, rifiniture di pregio…). Sappiamo quanto sia sentito a Roma il problema del parcheggio: mettete in evidenza già nel titolo se un appartamento è dotato di posto auto o di box, oppure se c’è la possibilità di acquistare un box a parte, magari specificando a quale prezzo.

Le informazioni da dare

Indicate sempre l’indice di prestazione energetica, metri quadrati, il numero delle camere, quello dei servizi, il piano, la presenza dell’ascensore e dei balconi, la dimensione della cucina, le condizioni dello stabile. Quando presenti, importante specificare la presenza della cantina e, come già detto, del posto auto. Date importanza alla vicinanza di infrastrutture, centri commerciali, mezzi pubblici, scuole, ospedali, parchi e giardini: in una grande città come Roma per la maggior parte delle famiglie sono informazioni basilari. Queste informazioni non andrebbero snocciolate come un mero elenco ma orchestrate per dare una visione d’insieme positiva dell’appartamento a chi sta leggendo la vostra inserzione.

Mai senza belle foto

Un annuncio senza fotografie, sul web, spesso viene visualizzato in coda a tutti gli altri. Inoltre corredare l’annuncio con delle immagini di qualità gli darà forza, invogliando gli utenti interessati a contattarvi. E’ molto importante inserire anche la planimetria dell’immobile: dà una visione chiara ed immediata di come è strutturato.

Il prezzo

Altra informazione che da una parte può tagliare fuori qualche ipotetico acquirente dall’altra garantisce contatti più interessati. Il prezzo può essere completato dalla dicitura “trattabile”, che dà uno stimolo in più a chi vuole comprare.

(redazione)