Archivi del mese: luglio 2016

Condominio: quali mezzi anti intrusione sono ammessi?

finestre

Ogni estate il tema della sicurezza nelle abitazioni ritorna ad essere importante, in previsione delle assenze per ferie delle famiglie. Ogni condomino può installare nella propria abitazione alcuni mezzi anti intrusione, pensati allo scopo di far desistere eventuali malintenzionati dall’entrare nell’appartamento.

Per proteggere la propria casa si può scegliere tra sistemi di sicurezza meccanici, come porte blindate e relative serrature di sicurezza, finestre e tapparelle blindate, recinzioni e inferriate e/o sistemi di antifurto, cablati o wireless, con sistemi di rilevazione a contatto magnetico, a sensori infrarossi o a ultrasuoni.

Questi strumenti però, soprattutto quando si tratta di sistemi di sicurezza meccanici, sono installabili dietro presa visione del regolamento condominiale e delle sue regole che, a volte, per questioni di decoro dell’immobile impongono limiti restrittivi.

Alcuni mezzi antieffrazione, come ad esempio le inferriate a porte e finestre dei piani più suscettibili di attacchi da parte di ladri, sono sempre consentite, seguendo comunque il principio enunciato dalla Cassazione secondo il quale “è lecito il mutamento esteriore che non cagioni un pregiudizio economicamente valutabile, o che, pur arrecandolo, si accompagni ad una utilità la quale compensi l’alterazione architettonica che non sia di grave ed appariscente entità” (Cass., Sez. II, 15 maggio 1987, n. 4474).

Lo stesso discorso vale per mezzi anti intrusione progettati per spazi all’aperto, come i fili spinati, le schegge di vetro o le lance posizionati su muri e cancelli: questi mezzi sono solitamente consentiti, in quanto strumenti dotati di capacità offensiva ridotta; l’installazione andrà comunque discussa in sede condominiale.

Poiché a volte l’esercizio del diritto di proprietà ed il principio di legittima difesa pongono questioni di difficile risoluzione, a seconda dei casi la giurisprudenza ha proposto una casistica: mezzi anti intrusione più subdoli e offensivi, come tagliole, trabocchetti con lance nascoste, e simili, non sarebbero autorizzati, e di conseguenza eventuali danni a persone derivanti dal loro uso sarebbero sempre da sanzionare.

Avendo presente questi principi di legge e buon senso, è possibile attivarsi quindi per mettere in maggiore sicurezza la propria abitazione, quando se ne ravvisi la necessità.

(fonte: www.condominioweb.com)